Il Foro romano

STORIA La civiltà romana Il Foro romano Nel 509 a.C. a Roma cade la monarchia e viene istituita la repubblica, un tipo di governo in cui il potere politico non è più in mano a una sola persona, come il re, ma è diviso tra più persone, dette magistrati, scelte ogni anno dai cittadini romani. Centro della vita pubblica e sociale non è più il palazzo reale, ma il Foro, ossia il luogo della città dove sorgono gli edifici rappresentativi del potere politico, religioso e sociale. Tra questi il più importante è la Curia, dove si riunisce il senato. IL CURSUS HONORUM, OSSIA LA SCALA DEL POTERE POLITICO 6. Censore 5. Console 4. Pretore 3. Edile 2. Questore 1. Servizio Militare che poteva durare anche più di dieci anni Giulio Cesare (101-44 a.C.) dopo essere stato console, quando salì al potere si fece nominare dittatore: prima per dieci anni, poi a vita. Ottaviano Augusto (63 a.C.-14 d.C.) riunì in sé tutti i poteri politici e religiosi, ma non si proclamò mai imperatore. 22 PIAZZA: era il luogo principale dove ogni candidato incontrava i suoi possibili elettori, dato che a Roma le campagne elettorali erano condotte personalmente da ogni politico. CURIA: era il palazzo dove si riuniva il senato formato dai 300 rappresentanti delle famiglie più antiche e ricche della città.

Il Foro romano