Il Nuovo Giramondo - Matematica e Scienze 5 Sfoglialibro

SISTEMA di NUMERAZIONE dei ROMANI I 1 Il sistema di numerazione romana è additivo perché i valori dei simboli si sommano o si sottraggono in base alla loro posizione. II 2 III 3 IV 4 V 5 VI 6 VII 7 VIII 8 IX 9 X 10 Per scrivere alcuni numeri si sommano i simboli. Per esempio, per scrivere 2 si usano due simboli di 1: II Per scrivere 3 III (1 + 1 + 1 = 3) Per scrivere 6 VI (5 + 1 = 6) Per scrivere 12 XII (10 + 1 + 1 = 12) Per scrivere 20 XX (10 + 10 = 20) Per scrivere 30 XXX Per scrivere 51 LI (1 + 1 = 2) (10 + 10 + 10 = 30) (50 + 1 = 51) Per scrivere altri numeri, invece, si sottrae da un simbolo il valore del simbolo che lo precede. Per scrivere 4 IV (5 1 = 4) Per scrivere 9 IX (10 1 = 9) Per scrivere 40 XL (50 10 = 40) Per scrivere 90 XC (100 10 = 90) Quando un simbolo è tra due simboli di valore maggiore lo si deve sottrarre da quello di destra. Per esempio: XIV 14 (10 + 5 1) XIX 19 (10 + 10 1) c he. . . i a s Lo In classe I NUOVI NUMERI I Leggi e completa. stata ritrovata una lapide con una scritta che si conclude così: CMXLVI. Sicuramente questa incisione indica l anno in cui è stata posta la lapide. Quale anno è? 1156 1146 996 946 Osserva la scrittura 115 = CV V V corretta? Perché? Sì No I numeri romani erano piuttosto dif cili da utilizzare perché il sistema di numerazione non era posizionale e non prevedeva l uso dello zero. Le cifre che usiamo attualmente (da 0 a 9) sono nate in India. Grazie ai continui scambi commerciali con l Oriente la numerazione venne diffusa anche in Europa. Leonardo Pisano detto il Fibonacci (1170 1240 circa) rca) ebbe un ruolo importante nella comprensione delle cifre perché nel 1200 scrisse un libro in cui spiegò accurata-mente l uso del nuovo sistema di numerazione decimale e posizionale. 195 5

Il Nuovo Giramondo - Matematica e Scienze 5 Sfoglialibro