La nascita di un bambino

SCIENZE » Il corpo umano LA NASCITA DI UN BAMBINO La nascita di un bambino Quando la cellula riproduttrice maschile, lo spermatozoo, raggiunge la cellula riproduttrice femminile, l’ovulo, avviene la fecondazione e si genera la prima cellula, detta zigote, del nuovo individuo. Lo zigote cresce e diventa un embrione, un piccolo essere umano destinato a restare per nove mesi nell’utero della mamma: questo periodo si chiama gravidanza. L’embrione cresce protetto dall’utero, che ha la capacità di adattarsi alla sua crescita. In questa fase si formano tessuti e organi. Dopo circa otto settimane dal momento del concepimento, l’embrione assume le caratteristiche della specie e da questo momento in poi viene chiamato feto: la forma degli arti e della struttura del viso appare definita. All’interno dell’utero ci sono il liquido amniotico, che ha la funzione di proteggere il bambino dagli urti e dagli sbalzi di temperatura, e la placenta, che fornisce il nutrimento e l’ossigeno al feto tramite il cordone ombelicale. Dopo nove mesi il bambino è pronto per nascere. Le pareti dell’utero cominciano a contrarsi e il bambino viene spinto fuori dal corpo della mamma: è il momento del parto. Alla nascita viene tagliato il cordone ombelicale perché il bambino respira autonomamente e può essere nutrito tramite la bocca. La cicatrice del taglio del cordone ombelicale è l’ombelico. LA GRAVIDANZA 1. Primo mese2. Secondo mese3. Terzo mese4. Quinto mese5. Nono mese6. Cordone ombelicale STUDIO con METODO ▼ Espongo il testo. Usa le parole evidenziate per raccontare oralmente come nasce un bambino. ⇒ Quaderno delle competenze Pag. 159
SCIENZE » Il corpo umano LA NASCITA DI UN BAMBINO La nascita di un bambino Quando la cellula riproduttrice maschile, lo spermatozoo, raggiunge la cellula riproduttrice femminile, l’ovulo, avviene la fecondazione e si genera la prima cellula, detta zigote, del nuovo individuo. Lo zigote cresce e diventa un embrione, un piccolo essere umano destinato a restare per nove mesi nell’utero della mamma: questo periodo si chiama gravidanza. L’embrione cresce protetto dall’utero, che ha la capacità di adattarsi alla sua crescita. In questa fase si formano tessuti e organi. Dopo circa otto settimane dal momento del concepimento, l’embrione assume le caratteristiche della specie e da questo momento in poi viene chiamato feto: la forma degli arti e della struttura del viso appare definita. All’interno dell’utero ci sono il liquido amniotico, che ha la funzione di proteggere il bambino dagli urti e dagli sbalzi di temperatura, e la placenta, che fornisce il nutrimento e l’ossigeno al feto tramite il cordone ombelicale. Dopo nove mesi il bambino è pronto per nascere. Le pareti dell’utero cominciano a contrarsi e il bambino viene spinto fuori dal corpo della mamma: è il momento del parto. Alla nascita viene tagliato il cordone ombelicale perché il bambino respira autonomamente e può essere nutrito tramite la bocca. La cicatrice del taglio del cordone ombelicale è l’ombelico. LA GRAVIDANZA 1. Primo mese2. Secondo mese3. Terzo mese4. Quinto mese5. Nono mese6. Cordone ombelicale STUDIO con METODO ▼ Espongo il testo. Usa le parole evidenziate per raccontare oralmente come nasce un bambino. ⇒ Quaderno delle competenze Pag. 159 <