Il Nuovo Giramondo - Storia e Geografia 5 Sfoglialibro

o Quaderno delle competenze Pag. 30 he. . . L o s ai c L accampamento romano L accampamento militare (in latino castrum) era a pianta quadrata ed era diviso da due vie che tagliavano il campo in quattro parti esatte, il cardo e il decumano: la prima andava da nord a sud, mentre la seconda da est a ovest. Queste due vie servivano da guide per dividere il terreno in tanti quadrati o rettangoli formati da linee parallele al cardo e al decumano, su cui venivano eretti gli alloggi dei soldati. Questa disposizione geometrica rendeva l'accampamento più semplice da costruire e favoriva i movimenti dei soldati al suo interno. Questa organizzazione dello spazio è stata ripresa dai Romani anche per costruire le città da loro fondate (per esempio Torino). o Ogni campo aveva una porta di accesso per lato: quella principale era detta porta pretoria, mentre sul lato opposto si trovava la porta decumana. o Al centro c erano il foro, cioè uno spiazzo, e il pretorio, ossia l alloggio del comandante. o Il campo era protetto da una palizzata e circondato da un fossato largo un metro e mezzo e profondo un metro. PORTA CARDINALE O RD CA FORO DECUMA NO PORTA DECUMANA L 'ari FOSSATO MURAGLIA DIFENSIVA et e Era una g rossa tra ve con in una punta cima di metallo a forma d di ariete (d i testa a cui il no me) che v spinta pe eniva r sfondar e por te o Nell asse muri. dio di Car tagine se i Romani mbra che ne abbian o usato u per abbat no enorm tere le m e ura della città. 71

Il Nuovo Giramondo - Storia e Geografia 5 Sfoglialibro