La civiltà villanoviana

STORIA I popoli italici > LE PRIME CIVILT ITALICHE La civiltà villanoviana o Quaderno delle competenze Pag. 17 STUDIO con METODO W Schematizzo le informazioni. Ripeti il testo ad alta voce seguendo lo schema. o Perché questa civiltà è chiamata "villanoviana". o Cosa rappresenta la sua scoperta. o Perché erano ottimi artigiani. o Qual è il loro rapporto con gli Etruschi. La civiltà villanoviana La civiltà villanoviana prende il nome dai resti di un villaggio di capanne e della sua necropoli scoperti nel 1853 dall archeologo Giovanni Gozzadini nei pressi del paese di Villanova di Castenaso, vicino alla città di Bologna. Queste capanne, costruite con argilla e rami, risalgono al 1000 a.C. e rappresentano il primo centro urbano italiano. Nella necropoli sono state ritrovate asce, fibbie, coltelli e anelli da cui si è scoperto che i Villanoviani erano abili artigiani. Non sappiamo invece se fossero politeisti e come era organizzata la loro società. Reperti villanoviani sono stati rinvenuti anche in Italia centrale e meridionale e, secondo alcuni studiosi, gli Etruschi potrebbero derivare da questa civiltà. Urna villanoviana contenente le ceneri di un defunto. L o s ai c he. . . UNA CITT , MOLTE POPOLAZIONI Tomba villanoviana ritrovata a Badia, vicino Volterra, in Toscana. Bologna è una delle più antiche città italiane e conserva tracce di tutte le principali popolazioni italiche viste nora, dai Villanoviani, ai Galli, no ai Romani. Grazie alla sua posizione geogra ca, era un importante crocevia di commerci già dal IX secolo a.C. Tra il VI e il IV secolo a.C. la città venne conquistata dagli Etruschi che incrementarono gli scambi commerciali con il Mediterraneo, in particolare con la Grecia. Nel IV secolo Bologna fu conquistata dalla popolazione dei Galli Boi, che le attribuirono il nome di Velzna (Felsina in latino). Nel 189 a.C. divenne una colonia romana e prese il nome di Bononia (deriva forse dal celtico Bona, che signi ca "luogo forti cato"), da cui è derivato il nome attuale. Grazie alla via Emilia costruita dai Romani, Bononia divenne un importante nodo stradale, esattamente come è oggi. A anco, brocca in ceramica. Bardatura di bronzo a forma di cavallo del IX-VIII secolo a.C. 42 Sia questo manufatto sia la bardatura di bronzo a forma di cavallo, testimoniano una grande abilità da parte degli artigiani villanoviani e una tecnica di lavorazione che si ritroverà nei manufatti etruschi.

La civiltà villanoviana