Il Nuovo Giramondo - Storia e Geografia 5 Sfoglialibro

GEOGRAFIA Le regioni italiane L'ECONOMIA > PUGLIA o Quaderno delle competenze Pag. 69 W Occupati per settore 65% 26% Primario Secondario Terziario 9% LO SAI CHE... La mancanza d acqua ha sempre af itto la Puglia: nel I sec. a.C. Giulio Cesare la soprannominò terra della sete . Questa regione, infatti, non ha corsi d acqua di grossa portata ed è stata la prima in cui si sia realizzato un impianto per rendere potabile l acqua di mare. Solo all inizio del XX secolo si è iniziato ad affrontare il problema, con la costruzione dell acquedotto pugliese che preleva l'acqua dal ume Sele e, con un sistema di tubi lungo 2700 km, la porta in quasi tutta la regione. 176 L agricoltura è molto sviluppata in Puglia ed è praticata in modo intensivo, soprattutto nel Tavoliere. La carenza d'acqua da cui è afflitto il territorio è stata risolta con la costruzione dell'acquedotto pugliese, che ha permesso di irrigare regolarmente i campi. Si coltivano grano, ortaggi, soprattutto pomodori, carciofi, fagioli, frutta, frumento e barbabietola da zucchero. Anche la vite e l'olivo, soprattutto nel Salento, sono due colture molto sviluppate. Importante è l allevamento di ovini, bovini e, soprattutto, di bufale, con il cui latte si producono formaggi tipici come la burrata. Anche la pesca è una risorsa importante, grazie alle nuove flotte pescherecce e all'allevamento di molluschi e crostacei. Tra le città d'arte, Lecce è una delle più visitate. Il paesaggio del Salento è caratterizzato dai tanti oliveti, mentre le colline delle Murge dai campi coltivati. L industria, un tempo solo alimentare, cioè legata alla produzione agricola, oggi si è affermata in vari settori. Sono presenti sul territorio importanti aziende fra le città di Taranto, Brindisi e Bari che operano nel campo siderurgico, petrolchimico e della raffinazione del petrolio. Inoltre sono presenti aziende farmaceutiche, meccaniche, tessili e manifatturiere. Vicino a Foggia, inoltre, si trovano le più grandi saline italiane. L'artigianato vanta produzioni eccellenti di terrecotte, ceramiche, tappeti e lavori in cartapesta. Rilevante anche l attività nel terziario. Molto importante è il commercio marittimo grazie alla presenza dei porti di Taranto, Brindisi e Bari. Il turismo è una delle risorse principali della regione, grazie alla bellezza delle coste e delle isole, di città d arte come Bari e Lecce e a luoghi unici come le Grotte di Castellana e i trulli di Alberobello, anche questi inseriti nella lista dei siti Patrimoni dell Umanità dell Unesco. Da sottolineare, infine, l'eccezionale sviluppo turistico che ha avuto il Salento, che negli ultimi anni è diventata una delle mete turistiche italiane più frequentate durante la stagione estiva.

Il Nuovo Giramondo - Storia e Geografia 5 Sfoglialibro