Il Nuovo Giramondo - Storia e Geografia 5 Sfoglialibro

CAMPANIA > GEOGRAFIA Le regioni italiane L'isola di Capri. La città di Amal che dà il nome alla costiera amal tana. LA POPOLAZIONE La Campania è la seconda regione per numero di abitanti dopo la Lombardia, ma la prima per densità di popolazione. Le zone montuose interne sono quelle meno popolate, mentre la zona di Napoli e le aree lungo la costa sono quelle più densamente abitate. LO SAI CHE... Il clima della costa campana è da sempre considerato ideale per l'uomo: già i Romani avevano scelto il Golfo di Napoli per le loro villeggiature. A Capri si possono ancora ammirare bellissime case di ieri e di oggi, come la Villa Jovis (nella foto) dell imperatore romano Tiberio, realizzata nel 26 d.C., e quella dello scrittore Curzio Malaparte, costruita negli anni Trenta del XX secolo. a Geostori NAPOLI il capoluogo La costa è bassa e sabbiosa in corrispondenza delle pianure, mentre nella Penisola Sorrentina è alta e rocciosa. Da nord a sud si incontrano lungo il litorale i golfi di Gaeta, di Napoli, di Salerno e di Policastro. Di fronte al tratto di costa fra Napoli e Sorrento si trova l Arcipelago Campano, composto dalle isole di Ischia, Procida e Capri. Il clima varia con la distanza dal mare: lungo la costa e nelle pianure è caldo e con poche piogge d'estate e mite in inverno. Nell'interno, sui rilievi, le differenze di temperatura fra estate e inverno sono più evidenti. Qui sono possibili anche abbondanti nevicate. Fondata nell VIII secolo a.C. dai Greci, è da sempre una delle capitali politiche e culturali d Italia e d'Europa. Per la ricchezza del suo patrimonio artistico e culturale, nel 1995 il centro storico di Napoli è stato riconosciuto dall'Unesco Patrimonio Mondiale dell'Umanità, così come la lingua napoletana è riconosciuta dall'Unesco come lingua a tutti gli effetti. Napoli è il terzo comune italiano per popolazione dopo Roma e Milano e sede di importanti uf ci amministrativi, commerciali e nanziari. Il Vesuvio Il Vesuvio è un vulcano attivo oggi in stato di quiescenza. alto 1281 m e sorge all'interno di una caldera, cioè una conca, di 4 km di diametro, formatasi dopo la grande eruzione del 79 d.C. che distrusse le città di Pompei, Ercolano e Stabia. uno dei vulcani più studiati al mondo grazie anche all'Osservatorio vesuviano: è il più antico osservatorio vulcanologico ed è stato fondato dal re Ferdinando II di Borbone nel 1841. L ultima eruzione è stata nel 1944. Piazza del Plebiscito a Napoli. 169

Il Nuovo Giramondo - Storia e Geografia 5 Sfoglialibro