Sparta

STORIA » I Greci CHI ERANO I GRECI Sparta Sparta era una città della penisola del Peloponneso, fondata dai Dori nel X secolo a.C. Il potere economico era in mano agli spartiati, i membri delle famiglie guerriere più antiche che possedevano anche tutte le terre e le ricchezze della città. Il potere politico era affidato a un gruppo ristretto di spartiati: questa forma di governo si chiama oligarchia. La società spartana era poi composta dai perieci che si occupavano di commercio e artigianato, e dagli schiavi, detti iloti, che coltivavano i campi, la ricchezza principale di Sparta. I perieci, gli iloti e le donne non potevano partecipare alla vita politica della città. Sparta e Atene - Apprendimento individualizzato LE PAROLE DELLA STORIA Oligarchia parola greca che significa “governo di pochi” . Le donne spartane dovevano essere forti per avere così figli altrettanto forti. L’IMPORTANZA DELLA DISCIPLINA Fino all’età di sette anni, i bambini crescevano in famiglia. Poi maschi e femmine entravano in scuole pubbliche dove imparavano la matematica, a leggere e a scrivere, anche se la maggior parte del loro tempo era dedicata all'addestramento nelle palestre per diventare soldati. I ragazzi, infatti, dovevano allenarsi a sopportare il dolore e la fame ed erano sottoposti ad una disciplina rigidissima. Anche le ragazze si esercitavano negli sport come la lotta e il lancio del giavellotto, un’arma da guerra. Non erano tenute chiuse in casa e non dovevano svolgere i lavori domestici, che venivano fatti dagli schiavi. La statua di un guerriero spartano. STUDIO con METODO ▼ Seleziono le informazioni. Rileggi il testo di queste due pagine. Scrivi una S accanto alle azioni che si potevano fare a Sparta; una A accanto a quelle che si potevano fare ad Atene; una T accanto a quelle in entrambe le città. Una bambina poteva: andare a scuola; imparare i lavori domestici; fare esercizi ginnici; lanciare il giavellotto; uscire solo in occasioni religiose; essere libera di uscire di casa; stare a casa con le altre donne. Un bambino poteva: imparare a leggere; studiare le leggi della polis; stare tante ore in palestra; imparare la matematica; imparare a essere un soldato; partecipare alla vita della città; imparare la musica. ⇒ Quaderno delle competenze Pagg. 4-5
STORIA » I Greci CHI ERANO I GRECI Sparta Sparta era una città della penisola del Peloponneso, fondata dai Dori nel X secolo a.C. Il potere economico era in mano agli spartiati, i membri delle famiglie guerriere più antiche che possedevano anche tutte le terre e le ricchezze della città. Il potere politico era affidato a un gruppo ristretto di spartiati: questa forma di governo si chiama oligarchia. La società spartana era poi composta dai perieci che si occupavano di commercio e artigianato, e dagli schiavi, detti iloti, che coltivavano i campi, la ricchezza principale di Sparta. I perieci, gli iloti e le donne non potevano partecipare alla vita politica della città.     Sparta e Atene - Apprendimento individualizzato  LE PAROLE  DELLA STORIA Oligarchia parola greca che significa “governo di pochi” . Le donne spartane dovevano essere forti per avere così figli altrettanto forti. L’IMPORTANZA DELLA DISCIPLINA Fino all’età di sette anni, i bambini crescevano in famiglia. Poi maschi e femmine entravano in scuole pubbliche dove imparavano la matematica, a leggere e a scrivere, anche se la maggior parte del loro tempo era dedicata all'addestramento nelle palestre per diventare soldati. I ragazzi, infatti, dovevano allenarsi a sopportare il dolore e la fame ed erano sottoposti ad una disciplina rigidissima. Anche le ragazze si esercitavano negli sport come la lotta e il lancio del giavellotto, un’arma da guerra. Non erano tenute chiuse in casa e non dovevano svolgere i lavori domestici, che venivano fatti dagli schiavi. La statua di un guerriero spartano. STUDIO con METODO ▼ Seleziono le informazioni. Rileggi il testo di queste due pagine. Scrivi una S accanto alle azioni che si potevano fare a Sparta; una A accanto a quelle che si potevano fare ad Atene; una T accanto a quelle in entrambe le città. Una bambina poteva: andare a scuola; imparare i lavori domestici; fare esercizi ginnici; lanciare il giavellotto; uscire solo in occasioni religiose; essere libera di uscire di casa; stare a casa con le altre donne.   Un bambino poteva: imparare a leggere; studiare le leggi della polis; stare tante ore in palestra; imparare la matematica; imparare a essere un soldato; partecipare alla vita della città; imparare la musica. ⇒ Quaderno delle competenze  Pagg. 4-5