Molise

GEOGRAFIA LE REGIONI ITALIANE Molise I parchi nazionali sono evidenziati in verde. Molise Schede alunno - Le regioni italiane del sud Superficie: 4 460 km² Popolazione: 314 725 abitanti Densità di popolazione: 70 abitanti per km² Capoluogo: Campobasso Città principali: Isernia IL TERRITORIO E IL CLIMA Il Molise è la seconda regione più piccola d'Italia. Confina a nord con l’Abruzzo, a ovest con il Lazio, a sud-ovest con la Campania, a sud-est con la Puglia, mentre a est è bagnata dal Mar Adriatico. Il Molise è la regione più giovane d’Italia: prima unita all’Abruzzo, si è distaccata nel 1963. Il territorio è diviso quasi a metà tra montagne e colline, mentre la pianura si estende lungo la costa. Nella regione si trova l’Appennino Sannita, che la attraversa da nord a sud, diviso nei gruppi montuosi della Meta e del Matese, le cui cime superano di poco i 2000 metri. Il paesaggio collinare è ampio e movimentato, con le cime disboscate e utilizzate a pascolo, le pendici boscose e i fondovalle coltivati. Ci sono solo due laghi artificiali, il lago di Occhito e il lago di Guardialfiera. I fiumi sono corti e a carattere torrentizio. I più importanti sono il Trigno, il Biferno, il Volturno e il Sangro. La costa non ha porti naturali ed è bassa, sabbiosa e uniforme, tranne nel promontorio roccioso di Termoli. Il clima è mite lungo la costa, nelle valli e sulle colline, mentre diventa continentale nelle zone interne. LE PAROLE DELLA GEOGRAFIA s.l.m. sul livello del mare Per misurare l’altitudine delle città o delle montagne, si fa riferimento a una base comune, ossia il livello del mare, che è considerata come altezza zero. Il massiccio delle Mainarde nell'Appennino Sannita. La valle del Biferno. LA POPOLAZIONE Dopo la Valle d'Aosta, il Molise ha la più bassa densità di popolazione. I centri principali oggi sono, oltre a Campobasso e Isernia, Termoli, sulla costa, per via dell’unica area industriale della regione, e Venafro nella valle del Volturno. L'ECONOMIA L’agricoltura impegna circa l'8% della popolazione. Le produzioni principali nella fascia collinare sono ortaggi, mais e uva da tavola, mentre nella zona costiera si coltivano barbabietole da zucchero, girasoli e tabacco. L’allevamento prevalente è quello di ovini e caprini, mentre la pesca è praticata a Termoli, unico porto della regione. Il Molise è una delle regioni meno industrializzate d’Italia. L'unico polo industriale della regione si trova a Termoli, dove è presente uno stabilimento automobilistico, mentre negli ultimi anni a Campobasso è stata rilanciata l’industria alimentare. Presenti anche attività nel settore tessile e del legno. Molto sviluppato è l'artigianato, con produzioni di pizzi a tombolo, coltelli e legno intagliato. Il turismo è in forte espansione, grazie alla bellezza del paesaggio molisano. I Monti del Matese hanno strutture per il turismo invernale e in tutta la regione ci sono centri e monumenti di grande interesse storico-artistico. Le spiagge di Termoli, tra le più frequentate della costa adriatica centrale. I cavatelli, una pasta tradizionale del Molise. IL CAPOLUOGO CAMPOBASSO È la città più popolosa della regione e, con i suoi 701 m di altezza sul livello del mare, è il terzo capoluogo di regione più alto d'Italia dopo Potenza e L'Aquila. Fondata dai Longobardi, conserva monumenti di tutte le epoche storiche. Il centro ha molti spazi verdi con piante anche esotiche, come sequoie, cedri del Libano e ginkgo biloba. È sede dell’Università del Molise. Veduta di Campobasso, campanile di San Bartolomeo. LO SAI CHE… Ad Agnone, vicino a Isernia, si trova la Pontificia Fonderia di Campane Marinelli, la più antica produttrice italiana specializzata nella creazione di campane, fondata intorno all’anno 1000. Nel 1999 accanto alla fabbrica è stato creato il Museo Internazionale della Campana. La fabbricazione di una campana. GEOSTORIA Castello Monforte Monumento nazionale e simbolo della città di Campobasso, il castello prende il nome dal conte Nicola II Monforte, che lo restaurò in seguito al terremoto del 1456. Ha ampi sotterranei che oggi contengono le riserve d'acqua che servono l'acquedotto civico. Il castello ospita una Stazione meteorologica dell’Aeronautica Militare, una delle più alte d'Italia (808 m s.l.m.). ⇒ Quaderno delle competenze Pag. 66
GEOGRAFIA LE REGIONI ITALIANE Molise I parchi nazionali sono evidenziati in verde.   Molise   Schede alunno - Le regioni italiane del sud Superficie: 4 460 km² Popolazione: 314 725 abitanti Densità di popolazione: 70 abitanti per km² Capoluogo: Campobasso Città principali: Isernia IL TERRITORIO E IL CLIMA Il Molise è la seconda regione più piccola d'Italia. Confina a nord con l’Abruzzo, a ovest con il Lazio, a sud-ovest con la Campania, a sud-est con la Puglia, mentre a est è bagnata dal Mar Adriatico. Il Molise è la regione più giovane d’Italia: prima unita all’Abruzzo, si è distaccata nel 1963. Il territorio è diviso quasi a metà tra montagne e colline, mentre la pianura si estende lungo la costa. Nella regione si trova l’Appennino Sannita, che la attraversa da nord a sud, diviso nei gruppi montuosi della Meta e del Matese, le cui cime superano di poco i 2000 metri. Il paesaggio collinare è ampio e movimentato, con le cime disboscate e utilizzate a pascolo, le pendici boscose e i fondovalle coltivati. Ci sono solo due laghi artificiali, il lago di Occhito e il lago di Guardialfiera. I fiumi sono corti e a carattere torrentizio. I più importanti sono il Trigno, il Biferno, il Volturno e il Sangro. La costa non ha porti naturali ed è bassa, sabbiosa e uniforme, tranne nel promontorio roccioso di Termoli. Il clima è mite lungo la costa, nelle valli e sulle colline, mentre diventa continentale nelle zone interne.  LE PAROLE  DELLA GEOGRAFIA s.l.m. sul livello del mare Per misurare l’altitudine delle città o delle montagne, si fa riferimento a una base comune, ossia il livello del mare, che è considerata come altezza zero. Il massiccio delle Mainarde nell'Appennino Sannita. La valle del Biferno. LA POPOLAZIONE Dopo la Valle d'Aosta, il Molise ha la più bassa densità di popolazione. I centri principali oggi sono, oltre a Campobasso e Isernia, Termoli, sulla costa, per via dell’unica area industriale della regione, e Venafro nella valle del Volturno. L'ECONOMIA L’agricoltura impegna circa l'8% della popolazione. Le produzioni principali nella fascia collinare sono ortaggi, mais e uva da tavola, mentre nella zona costiera si coltivano barbabietole da zucchero, girasoli e tabacco. L’allevamento prevalente è quello di ovini e caprini, mentre la pesca è praticata a Termoli, unico porto della regione. Il Molise è una delle regioni meno industrializzate d’Italia. L'unico polo industriale della regione si trova a Termoli, dove è presente uno stabilimento automobilistico, mentre negli ultimi anni a Campobasso è stata rilanciata l’industria alimentare. Presenti anche attività nel settore tessile e del legno. Molto sviluppato è l'artigianato, con produzioni di pizzi a tombolo, coltelli e legno intagliato. Il turismo è in forte espansione, grazie alla bellezza del paesaggio molisano. I Monti del Matese hanno strutture per il turismo invernale e in tutta la regione ci sono centri e monumenti di grande interesse storico-artistico. Le spiagge di Termoli, tra le più frequentate della costa adriatica centrale. I cavatelli, una pasta tradizionale del Molise. IL CAPOLUOGO CAMPOBASSO È la città più popolosa della regione e, con i suoi 701 m di altezza sul livello del mare, è il terzo capoluogo di regione più alto d'Italia dopo Potenza e L'Aquila. Fondata dai Longobardi, conserva monumenti di tutte le epoche storiche. Il centro ha molti spazi verdi con piante anche esotiche, come sequoie, cedri del Libano e ginkgo biloba. È sede dell’Università del Molise. Veduta di Campobasso, campanile di San Bartolomeo. LO SAI CHE… Ad Agnone, vicino a Isernia, si trova la Pontificia Fonderia di Campane Marinelli, la più antica produttrice italiana specializzata nella creazione di campane, fondata intorno all’anno 1000. Nel 1999 accanto alla fabbrica è stato creato il Museo Internazionale della Campana. La fabbricazione di una campana. GEOSTORIA Castello Monforte Monumento nazionale e simbolo della città di Campobasso, il castello prende il nome dal conte Nicola II Monforte, che lo restaurò in seguito al terremoto del 1456. Ha ampi sotterranei che oggi contengono le riserve d'acqua che servono l'acquedotto civico. Il castello ospita una Stazione meteorologica dell’Aeronautica Militare, una delle più alte d'Italia (808 m s.l.m.). ⇒ Quaderno delle competenze  Pag. 66