Toscana

GEOGRAFIA LE REGIONI ITALIANE Toscana I parchi nazionali sono evidenziati in verde. Toscana Schede alunno - Le regioni italiane del centro Superficie: 22 987 km² Popolazione: 3 750 511 abitanti Densità di popolazione: 163,16 abitanti per km² Capoluogo: Firenze Città principali: Arezzo, Carrara, Grosseto, Livorno, Lucca, Massa, Pisa, Pistoia, Prato, Siena. LO SAI CHE… Le Alpi Apuane, nonostante il nome, fanno parte dell’Appennino Ligure-Toscano. Il nome "alpi" nasce dalla loro forma molto spigolosa. Qui c’è uno dei più grandi giacimenti di marmo del mondo, già noto in epoca romana, nel quale si riforniva anche Michelangelo Buonarroti. IL TERRITORIO E IL CLIMA La Toscana è la regione più grande dell’Italia centrale. Confina a ovest con la Liguria e il Mar Tirreno, a nord e nord-est con l’Emilia-Romagna, a est con Marche e Umbria e a sud con il Lazio. Il territorio è prevalentemente collinare e solo per l'8% pianeggiante. Le montagne si trovano nella parte settentrionale della regione: da ovest a est si incontrano le Alpi Apuane, l'Appennino Tosco-Emiliano e la catena del Pratomagno. Più a sud si trova il Monte Amiata, che è un antico vulcano ora spento. Le colline sono l'elemento che caratterizza maggiormente il paesaggio toscano. Le più importanti sono quelle del Chianti, le Colline Senesi e le Colline Metallifere, il cui sottosuolo è ricco di risorse minerarie. La pianura più estesa della regione è il Valdarno, di origine alluvionale, in cui scorre il fiume Arno, che è il principale della regione. A nord si trova la pianura della Versilia, mentre più a sud c'è l'altra grande pianura toscana, la Maremma, un tempo paludosa e oggi bonificata, che prosegue poi nel Lazio. Dopo l'Arno, che nasce dal Monte Falterona e che lungo il suo corso attraversa le città di Firenze e Pisa, altri fiumi di una certa importanza sono l'Ombrone e il Cecina. Le coste sono perlopiù basse e sabbiose, ad eccezione dei promontori di Piombino e dell’Argentario, vicino al quale si trova la laguna di Orbetello. Di fronte al tratto di costa tra Livorno e l'Argentario, si trova l'Arcipelago Toscano, composto da sette isole di cui le più importanti sono l’Isola d’Elba, terza in Italia per estensione e l'Isola del Giglio. L'area marina che delimita l'arcipelago è Parco Nazionale. Il clima è caratterizzato da inverni freddi ed estati fresche nell'Appennino e da estati calde e inverni miti nelle zone costiere. Spiaggia della Padulella all'isola d'Elba, nell'Arcipelago Toscano. Veduta delle colline del Chianti, dove si producono vini famosi in tutto il mondo. LA POPOLAZIONE La Toscana conta più di 3 milioni e mezzo di abitanti, pari al 6% della popolazione nazionale, concentrati soprattutto nelle città del nord della regione, dove l'economia è più sviluppata. GEOSTORIA Palazzo Pitti Dal 1865 al 1871 Firenze fu capitale d'Italia e Palazzo Pitti fu eletto residenza reale. Oggi, insieme al Giardino di Boboli, è uno dei tre poli museali più importanti e visitati della città, dopo la Galleria degli Uffizi e l’Accademia. Ospita una manifestazione di moda tra le più importanti al mondo. IL CAPOLUOGO FIRENZE Fondata dagli Etruschi nel 150 a.C., Firenze venne battezzata "Florentia" dai Romani nel 59 a.C. È stata la città di Dante Alighieri e, nel Rinascimento, sotto la Signoria dei Medici, fu uno dei maggiori centri artistici e culturali, grazie a nomi come Leonardo da Vinci, Michelangelo Buonarroti, Sandro Botticelli, Filippo Brunelleschi e Niccolò Machiavelli. Tra i suoi luoghi e monumenti più noti vi sono il Palazzo Vecchio, il Duomo, il campanile di Giotto, Piazza della Signoria e Ponte Vecchio sull'Arno. Dal 1982 l’Unesco ha riconosciuto il centro storico di Firenze Patrimonio dell’Umanità. Palazzo Vecchio, simbolo di Firenze. L'ECONOMIA L’agricoltura è un'attività rilevante nell’economia della regione. Nella zona collinare ci sono soprattutto oliveti e vigneti, alla base di una produzione di olio molto pregiato e vini di eccellenza a livello mondiale. Nella bassa collina e nella pianura nei pressi di Pistoia si trovano molti vivai che producono piante ornamentali e fiori. Presenti inoltre coltivazioni di foraggio, ortaggi, girasoli, mais, barbabietole e, in Val di Chiana, tabacco. L'allevamento riguarda principalmente razze locali di bovini e suini che forniscono carni molto pregiate, ma anche di ovini e cavalli. Si estrae il marmo nella zona di Carrara e l'alabastro nella zona di Volterra. Molto importante il sito di Larderello, dove sono presenti centrali elettriche che sfruttano l’energia geotermica. L’industria è molto sviluppata e conta molti distretti che coprono tutti i settori produttivi. A Firenze hanno sede industrie grafiche, editoriali, chimiche, farmaceutiche, meccaniche e soprattutto alcuni marchi di moda fra i più famosi nel mondo. Nel resto della regione ci sono industre chimiche, siderurgiche, calzaturiere e del settore cartario per uso domestico, cantine e oleifici. Diffuso anche l'artigianato, legato soprattutto alla lavorazione della pelle, del cuoio, dell'oro e dell'alabastro. Il turismo rappresenta una delle principali risorse economiche della Toscana: le coste, le isole, le città d’arte, le strutture termali e la bellezza dei paesaggi collinari richiamano infatti ogni anno milioni di turisti. LO SAI CHE… L’allevamento conta delle eccellenze bovine (razza chianina e maremmana) e suine (cinta senese), allevate allo stato brado o semibrado. Due esempi di eccellenze toscane: la lavorazione del cuoio e la produzione dell'olio d'oliva. La Toscana attira turisti da tutto il mondo grazie alla presenza di città d’arte come Firenze (nella foto) e per le sue eccellenze enogastronomiche. ⇒ Quaderno delle competenze Pag. 61
GEOGRAFIA LE REGIONI ITALIANE Toscana I parchi nazionali sono evidenziati in verde.   Toscana   Schede alunno - Le regioni italiane del centro Superficie: 22 987 km² Popolazione: 3 750 511 abitanti Densità di popolazione: 163,16 abitanti per km² Capoluogo: Firenze Città principali: Arezzo, Carrara, Grosseto, Livorno, Lucca, Massa, Pisa, Pistoia, Prato, Siena. LO SAI CHE… Le Alpi Apuane, nonostante il nome, fanno parte dell’Appennino Ligure-Toscano. Il nome "alpi" nasce dalla loro forma molto spigolosa. Qui c’è uno dei più grandi giacimenti di marmo del mondo, già noto in epoca romana, nel quale si riforniva anche Michelangelo Buonarroti. IL TERRITORIO E IL CLIMA La Toscana è la regione più grande dell’Italia centrale. Confina a ovest con la Liguria e il Mar Tirreno, a nord e nord-est con l’Emilia-Romagna, a est con Marche e Umbria e a sud con il Lazio. Il territorio è prevalentemente collinare e solo per l'8% pianeggiante. Le montagne si trovano nella parte settentrionale della regione: da ovest a est si incontrano le Alpi Apuane, l'Appennino Tosco-Emiliano e la catena del Pratomagno. Più a sud si trova il Monte Amiata, che è un antico vulcano ora spento. Le colline sono l'elemento che caratterizza maggiormente il paesaggio toscano. Le più importanti sono quelle del Chianti, le Colline Senesi e le Colline Metallifere, il cui sottosuolo è ricco di risorse minerarie. La pianura più estesa della regione è il Valdarno, di origine alluvionale, in cui scorre il fiume Arno, che è il principale della regione. A nord si trova la pianura della Versilia, mentre più a sud c'è l'altra grande pianura toscana, la Maremma, un tempo paludosa e oggi bonificata, che prosegue poi nel Lazio. Dopo l'Arno, che nasce dal Monte Falterona e che lungo il suo corso attraversa le città di Firenze e Pisa, altri fiumi di una certa importanza sono l'Ombrone e il Cecina. Le coste sono perlopiù basse e sabbiose, ad eccezione dei promontori di Piombino e dell’Argentario, vicino al quale si trova la laguna di Orbetello. Di fronte al tratto di costa tra Livorno e l'Argentario, si trova l'Arcipelago Toscano, composto da sette isole di cui le più importanti sono l’Isola d’Elba, terza in Italia per estensione e l'Isola del Giglio. L'area marina che delimita l'arcipelago è Parco Nazionale. Il clima è caratterizzato da inverni freddi ed estati fresche nell'Appennino e da estati calde e inverni miti nelle zone costiere. Spiaggia della Padulella all'isola d'Elba, nell'Arcipelago Toscano. Veduta delle colline del Chianti, dove si producono vini famosi in tutto il mondo. LA POPOLAZIONE La Toscana conta più di 3 milioni e mezzo di abitanti, pari al 6% della popolazione nazionale, concentrati soprattutto nelle città del nord della regione, dove l'economia è più sviluppata. GEOSTORIA Palazzo Pitti Dal 1865 al 1871 Firenze fu capitale d'Italia e Palazzo Pitti fu eletto residenza reale. Oggi, insieme al Giardino di Boboli, è uno dei tre poli museali più importanti e visitati della città, dopo la Galleria degli Uffizi e l’Accademia. Ospita una manifestazione di moda tra le più importanti al mondo. IL CAPOLUOGO FIRENZE Fondata dagli Etruschi nel 150 a.C., Firenze venne battezzata "Florentia" dai Romani nel 59 a.C. È stata la città di Dante Alighieri e, nel Rinascimento, sotto la Signoria dei Medici, fu uno dei maggiori centri artistici e culturali, grazie a nomi come Leonardo da Vinci, Michelangelo Buonarroti, Sandro Botticelli, Filippo Brunelleschi e Niccolò Machiavelli. Tra i suoi luoghi e monumenti più noti vi sono il Palazzo Vecchio, il Duomo, il campanile di Giotto, Piazza della Signoria e Ponte Vecchio sull'Arno. Dal 1982 l’Unesco ha riconosciuto il centro storico di Firenze Patrimonio dell’Umanità. Palazzo Vecchio, simbolo di Firenze. L'ECONOMIA L’agricoltura è un'attività rilevante nell’economia della regione. Nella zona collinare ci sono soprattutto oliveti e vigneti, alla base di una produzione di olio molto pregiato e vini di eccellenza a livello mondiale. Nella bassa collina e nella pianura nei pressi di Pistoia si trovano molti vivai che producono piante ornamentali e fiori. Presenti inoltre coltivazioni di foraggio, ortaggi, girasoli, mais, barbabietole e, in Val di Chiana, tabacco. L'allevamento riguarda principalmente razze locali di bovini e suini che forniscono carni molto pregiate, ma anche di ovini e cavalli. Si estrae il marmo nella zona di Carrara e l'alabastro nella zona di Volterra. Molto importante il sito di Larderello, dove sono presenti centrali elettriche che sfruttano l’energia geotermica. L’industria è molto sviluppata e conta molti distretti che coprono tutti i settori produttivi. A Firenze hanno sede industrie grafiche, editoriali, chimiche, farmaceutiche, meccaniche e soprattutto alcuni marchi di moda fra i più famosi nel mondo. Nel resto della regione ci sono industre chimiche, siderurgiche, calzaturiere e del settore cartario per uso domestico, cantine e oleifici. Diffuso anche l'artigianato, legato soprattutto alla lavorazione della pelle, del cuoio, dell'oro e dell'alabastro. Il turismo rappresenta una delle principali risorse economiche della Toscana: le coste, le isole, le città d’arte, le strutture termali e la bellezza dei paesaggi collinari richiamano infatti ogni anno milioni di turisti. LO SAI CHE… L’allevamento conta delle eccellenze bovine (razza chianina e maremmana) e suine (cinta senese), allevate allo stato brado o semibrado. Due esempi di eccellenze toscane: la lavorazione del cuoio e la produzione dell'olio d'oliva. La Toscana attira turisti da tutto il mondo grazie alla presenza di città d’arte come Firenze (nella foto) e per le sue eccellenze enogastronomiche. ⇒ Quaderno delle competenze  Pag. 61