Il culto dei morti

Il culto dei morti Gli Egizi credevano alla vita oltre la morte. Furono abili imbalsamatori e costruirono tombe maestose per le persone più influenti, il faraone e i suoi dignitari, come le piramidi o quelle della Valle dei Re. I defunti venivano sepolti con un ampio corredo funerario, composto da oggetti e materiali che gli Egizi pensavano potessero servire loro nell'aldilà. 1 GLI EGIZI> La vita oltre la morte Competenza O Riconosco ed esploro le fonti storiche. SUSSIDIARIO p. 47 Scrivi accanto ad ogni immagine il numero della de nizione corrispondente. 1. CANOPI Vasi di pietra con coperchio a forma di testa di divinità. Servivano per conservare gli organi interni estratti dal corpo prima della mummi cazione. Di solito erano quattro e venivano posti accanto al sarcofago, all'interno di speciali nicchie. 2. SARCOFAGO Urna di legno con sagoma umana che conteneva la mummia. Le persone più ricche ne possedevano almeno due, oltre a una specie di coperchio che si appoggiava direttamente sul corpo mummi cato. Questo coperchio in alcuni casi era un involucro di bende gessate e stuccate, decorato con dipinti di molti colori e foglia d'oro. 3. USHABTI Statuette di legno o pietra che venivano poste accanto al sarcofago del defunto. Gli Egizi credevano che il defunto nell'aldilà avrebbe dovuto lavorare nei campi di Osiride: compito degli ushabti era quello di farlo al posto suo, provvedendo a tutte le necessità della vita ultraterrena. 4. STELE Tavoletta di pietra che veniva incastrata nelle pareti delle tombe e che portava incisa o dipinta la formula dell'offerta , cioè una specie di preghiera che si pensava avrebbe assicurato in eterno al defunto tutto ciò che gli sarebbe servito nell'aldilà, come cibo o bevande. 5. AMULETI Piccoli oggetti di ceramica che venivano sistemati sotto le fasce della mummia. Ne esistevano di diverse tipologie e avevano la funzione simbolica di proteggere il defunto e di garantirgli anche nell'aldilà tutte le proprie doti, come la bellezza, la salute e la saggezza. 15 STORIA La fonte materiale

Il culto dei morti