Come si riproducono

SCIENZE » Il mondo dei viventi IL REGNO DEGLI ANIMALI - La riproduzione Come si riproducono La maggior parte degli animali si riproduce per fecondazione. Durante l'accoppiamento tra maschi e femmine, la cellula riproduttiva maschile (spermatozoo) feconda la cellula riproduttiva femminile (ovulo) dando origine all' embrione, da cui, come avviene per il seme nelle piante, si formerà un nuovo essere vivente della stessa specie. Il modo in cui si sviluppa l’embrione divide gli animali in tre grandi gruppi: ovipari, vivipari e ovovivipari. Gli ovipari Sono gli animali che depongono le uova, all'interno delle quali si sviluppa l’embrione. L’uovo è dotato di un guscio di protezione e contiene tutte le sostanze nutritive necessarie allo sviluppo dell’embrione. Quando il nuovo essere è pronto per nascere, rompe il guscio e esce. Sono ovipari gran parte degli uccelli, degli anfibi, dei rettili, dei pesci e alcuni invertebrati come ragni e insetti. I vivipari Sono gli animali in cui l’embrione si sviluppa nel corpo della madre, dal quale poi nasce un essere vivente completamente formato. Dopo la nascita, i piccoli hanno bisogno dell’assistenza della madre per avere nutrimento e protezione. Il tempo necessario per lo sviluppo del nuovo essere nel corpo della madre prende il nome di gestazione e può essere molto differente da specie a specie: per esempio dura nove mesi nell’uomo e ventuno mesi negli elefanti. Gli ovovivipari Sono animali, come gli squali o le vipere, in cui le uova fecondate restano in una sacca del corpo finché non arriva il momento della nascita. A quel punto il piccolo rompe l'uovo, esce dalla sacca del corpo della madre e viene alla luce. LO SAI CHE... In Australia vivono due tipi di mammiferi molto particolari. I monotremi, ossia l’ornitorinco e l’echidna, sono gli unici mammiferi che depongono le uova in un nido e, dopo, allattano i cuccioli nati. I marsupiali, come il canguro o l’opossum, partoriscono i cuccioli che poi terminano lo sviluppo in una sacca esterna della madre detta marsupio. STUDIO con METODO ▼ Ripeto il testo. Sottolinea le parole chiave del testo e poi usale per ripetere il testo ad alta voce. Hai un animale in casa? E se sì, a quale dei tre gruppi appartiene?
SCIENZE » Il mondo dei viventi IL REGNO DEGLI ANIMALI - La riproduzione Come si riproducono La maggior parte degli animali si riproduce per fecondazione. Durante l'accoppiamento tra maschi e femmine, la cellula riproduttiva maschile (spermatozoo) feconda la cellula riproduttiva femminile (ovulo) dando origine all' embrione, da cui, come avviene per il seme nelle piante, si formerà un nuovo essere vivente della stessa specie. Il modo in cui si sviluppa l’embrione divide gli animali in tre grandi gruppi: ovipari, vivipari e ovovivipari. Gli ovipari Sono gli animali che depongono le uova, all'interno delle quali si sviluppa l’embrione. L’uovo è dotato di un guscio di protezione e contiene tutte le sostanze nutritive necessarie allo sviluppo dell’embrione. Quando il nuovo essere è pronto per nascere, rompe il guscio e esce. Sono ovipari gran parte degli uccelli, degli anfibi, dei rettili, dei pesci e alcuni invertebrati come ragni e insetti. I vivipari Sono gli animali in cui l’embrione si sviluppa nel corpo della madre, dal quale poi nasce un essere vivente completamente formato. Dopo la nascita, i piccoli hanno bisogno dell’assistenza della madre per avere nutrimento e protezione. Il tempo necessario per lo sviluppo del nuovo essere nel corpo della madre prende il nome di gestazione e può essere molto differente da specie a specie: per esempio dura nove mesi nell’uomo e ventuno mesi negli elefanti. Gli ovovivipari Sono animali, come gli squali o le vipere, in cui le uova fecondate restano in una sacca del corpo finché non arriva il momento della nascita. A quel punto il piccolo rompe l'uovo, esce dalla sacca del corpo della madre e viene alla luce. LO SAI CHE... In Australia vivono due tipi di mammiferi molto particolari. I monotremi, ossia l’ornitorinco e l’echidna, sono gli unici mammiferi che depongono le uova in un nido e, dopo, allattano i cuccioli nati. I marsupiali, come il canguro o l’opossum, partoriscono i cuccioli che poi terminano lo sviluppo in una sacca esterna della madre detta marsupio. STUDIO con METODO ▼ Ripeto il testo. Sottolinea le parole chiave del testo e poi usale per ripetere il testo ad alta voce. Hai un animale in casa? E se sì, a quale dei tre gruppi appartiene?