Scrittura e religione

STORIA Le civiltà del Mediterraneo Scrittura e religione > CHI ERANO I FENICI Scrittura e religione Durante le cerimonie sacre i Fenici indossavano delle maschere di argilla. OSSERVO e RISPONDO L alfabeto fenicio non aveva le vocali e i segni venivano scritti da destra a sinistra, cioè al contrario di come facciamo noi. Per scrivere Matteo , per esempio, un fenicio avrebbe scritto solo MTT, anzi TTM. Osserva lo schema a anco e prova a scrivere il tuo nome. STUDIO con METODO W Espongo le informazioni. Ripeti il testo utilizzando le seguenti parole chiave: scrittura commercio alfabeto consonanti vocali religione vita dopo la morte 84 L'INVENZIONE DELL'ALFABETO I Fenici hanno realizzato una delle più importanti invenzioni dell'umanità: l'alfabeto. L'intensa attività commerciale e quindi la necessità di scrivere in maniera più veloce i documenti commerciali, spinse i Fenici ad utilizzare una scrittura più semplice rispetto ai geroglifici egiziani oppure ai caratteri cuneiformi mesopotamici. I Fenici si dotarono quindi di un sistema di scrittura alfabetica composto da soli 22 segni, ognuno dei quali serviva a indicare un suono. Grazie alla semplicità della scrittura e ai contatti frequenti tra i Fenici e gli altri popoli del Mediterraneo, l'alfabeto fenicio si diffuse a tal punto che da esso sono derivati tutti gli alfabeti che conosciamo: da quello greco, fino a quelli etrusco e latino. Nella scrittura fenicia si scrivevano solo le consonanti: furono i Greci ad aggiungere le vocali, che vennero chiamate sonanti . l b g d m n s h w z ch t j p tz q r sh k th LA RELIGIONE I Fenici erano politeisti. Il dio più importante era Baal, il dio del Sole, seguito da Astarte, moglie di Baal e dea della maternità e della fertilità. Importanti erano anche Yam, il dio del mare, e Melkart, dio del commercio. Ogni città aveva anche proprie divinità locali. I riti religiosi si svolgevano all aperto in recinti chiamati tofet, che fungevano anche da cimiteri, oppure in piccoli templi. I Fenici credevano nella vita dopo la morte. Infatti, in molti sarcofagi sono state ritrovate iscrizioni in cui si raccomanda di non disturbare il riposo dei defunti.

Scrittura e religione