La religione

STORIA » Le civiltà del Mediterraneo CHI ERANO I CRETESI - La religione La religione I Cretesi erano politeisti. La loro divinità principale era quella della dea-madre, che presiedeva alla fecondità della terra e degli uomini ed era anche la dea degli animali, in particolare dei serpenti. I serpenti erano infatti considerati i guardiani delle case e i protettori della vita domestica, oltre che un simbolo di morte e rinascita. Al contrario delle altre religioni dell'antichità, fino ad oggi non sono mai state trovate statue minoiche raffiguranti divinità guerriere. In onore della dea-madre venivano organizzati giochi e feste con danze. Molti di questi sono documentati nelle scene dipinte sulle pareti dei palazzi minoici. Tra gli strumenti musicali più conosciuti c’erano la lira e il flauto. Nel palazzo di Cnosso è stato anche scoperto una specie di teatro all’aperto dedicato agli spettacoli, con posti a sedere per gli spettatori. Molto importanti erano anche le competizioni sportive, come le gare di corsa e gli incontri di pugilato. Lo spettacolo più famoso era la tauromachia, ossia uno spettacolo con i tori, dove ragazzi e ragazze dimostravano il proprio coraggio aggrappandosi alle corna di un toro in corsa per poi fare una capriola sul suo dorso. La giostra dei tori Statua della dea-madre con i serpenti. Affresco che raffigura un incontro di pugilato. STUDIO con METODO ▼ Interpreto le fonti. Osserva il dipinto qui a fianco e descrivilo basandoti sulle informazioni in questa pagina. Sai che esistono ancora spettacoli con i tori? Ricerca in quali paesi si svolgono. Scena di tauromachia, lo spettacolo con i tori, in un affresco del palazzo di Cnosso.
STORIA » Le civiltà del Mediterraneo CHI ERANO I CRETESI - La religione La religione I Cretesi erano politeisti. La loro divinità principale era quella della dea-madre, che presiedeva alla fecondità della terra e degli uomini ed era anche la dea degli animali, in particolare dei serpenti. I serpenti erano infatti considerati i guardiani delle case e i protettori della vita domestica, oltre che un simbolo di morte e rinascita. Al contrario delle altre religioni dell'antichità, fino ad oggi non sono mai state trovate statue minoiche raffiguranti divinità guerriere. In onore della dea-madre venivano organizzati giochi e feste con danze. Molti di questi sono documentati nelle scene dipinte sulle pareti dei palazzi minoici. Tra gli strumenti musicali più conosciuti c’erano la lira e il flauto. Nel palazzo di Cnosso è stato anche scoperto una specie di teatro all’aperto dedicato agli spettacoli, con posti a sedere per gli spettatori.  Molto importanti erano anche le competizioni sportive, come le gare di corsa e gli incontri di pugilato. Lo spettacolo più famoso era la tauromachia, ossia uno spettacolo con i tori, dove ragazzi e ragazze dimostravano il proprio coraggio aggrappandosi alle corna di un toro in corsa per poi fare una capriola sul suo dorso.   La giostra dei tori Statua della dea-madre con i serpenti. Affresco che raffigura un incontro di pugilato. STUDIO con METODO ▼ Interpreto le fonti. Osserva il dipinto qui a fianco e  descrivilo basandoti sulle informazioni in questa pagina. Sai che esistono ancora spettacoli con i tori?  Ricerca in quali paesi si svolgono. Scena di tauromachia, lo spettacolo con i tori, in un affresco del palazzo di Cnosso.