Chi erano i Cinesi

STORIA » Le civiltà dei grandi fiumi CINESI E INDI - Chi erano i Cinesi Chi erano i CINESI I primi villaggi dell'antica civiltà cinese sorsero a partire dal 3000 a.C. lungo le rive del Fiume Azzurro e del Fiume Giallo, così chiamato per il colore delle sue acque ricche di limo. La popolazione era dedita soprattutto all'agricoltura e l'uso dell' aratro permise ai contadini di realizzare grandi coltivazioni di miglio e orzo lungo il fiume Giallo e di riso nelle regioni più calde lungo la costa. Rispetto alle altre civiltà dei grandi fiumi l' allevamento di mucche, pecore e capre era meno diffuso, mentre era molto praticato l'allevamento dei bachi da seta, da cui i Cinesi ricavavano il prezioso filato. Questo popolo non aveva una religione ufficiale, ma molte regole e credenze; erano venerati lo spirito degli antenati e alcune divinità legate alla natura. I Cinesi erano divisi in tanti regni governati da re che appartenevano a dinastie, cioè a famiglie che si tramandavano il potere di padre in figlio. Il sovrano viveva a corte con i sacerdoti e isolato dal resto della popolazione, da cui riscuoteva le tasse attraverso i suoi funzionari, chiamati mandarini. Questi regni erano spesso in guerra fra loro, finché nel 221 a.C. Shi Huangdi, re della dinastia Qin, unificò tutto il territorio e si proclamò primo imperatore della Cina, nome che deriva proprio da quello della sua dinastia (Qin, infatti, si pronuncia "cin"). Per proteggere il confine settentrionale di quell'immenso impero dalle invasioni delle popolazioni nomadi, Shi Huangdi fece iniziare la costruzione di un'opera grandiosa che è arrivata fino ai giorni nostri: la Grande Muraglia cinese, che con i suoi seimila chilometri di lunghezza rappresenta la più possente opera mai costruita dall'uomo. Nascita della Cina NOTIZIE DAL PASSATO L'invenzione della seta Per ottenere la seta si usa ancora oggi il procedimento inventato dai Cinesi nel 2000 a.C.: i bachi da seta, che si cibano di foglie della pianta del gelso, producono un unico filo con cui pian piano si avvolgono in un bozzolo. Il bozzolo viene quindi immerso in acqua calda e il filo srotolato. Il filato ottenuto viene poi lavorato per realizzare la stoffa di seta. La Grande Muraglia cinese. STUDIO con METODO ▼ Riordino le informazioni. Ordina questi eventi dal più antico al più recente. Nascita dei primi villaggi. Nascita della scrittura. Unificazione del paese. Costruzione della Grande Muraglia. La Grande Muraglia OSSERVO E RISPONDO Osserva l'immagine e completa il disegno con queste parole: piantine di riso • cesti • aratro LA SCRITTURA Intorno al 1200 a.C. fu inventata in Cina un'originale forma di scrittura composta da circa 4000 segni, detti ideogrammi, che venivano realizzati in verticale su asticelle di legno o bambù. Ogni ideogramma rappresentava un oggetto o un concetto e ad ognuno era associato un suono, aspetto che ne permetteva la lettura. Questa scrittura, pur modificatasi nel corso del tempo, è ancora in uso presso i Cinesi. Evoluzione della scrittura cinese. NOTIZIE DAL PASSATO L'invenzione della carta e dei caratteri mobili I Cinesi hanno inventato la carta e i caratteri mobili per la stampa. La carta si otteneva dalla macerazione di piante e stracci immersi nell'acqua. L'impasto ottenuto era pressato in modo da ricavare dei fogli sottili, che poi venivano essiccati. I caratteri mobili erano dei timbri di creta modellati a forma di ideogramma ai quali era applicato un manico. Una volta imbevuti di inchiostro venivano premuti su un foglio di carta per creare un testo scritto. Uno dei più antichi esempi di scrittura cinese si trova inciso su questa scapola di bue del periodo Shang (XIII-XI sec. a.C.). ⇒ Quaderno delle competenze Pagg. 22-23
STORIA » Le civiltà dei grandi fiumi CINESI E INDI - Chi erano i Cinesi Chi erano i CINESI I primi villaggi dell'antica civiltà cinese sorsero a partire dal 3000 a.C. lungo le rive del Fiume Azzurro e del Fiume Giallo, così chiamato per il colore delle sue acque ricche di limo.  La popolazione era dedita soprattutto all'agricoltura e l'uso dell' aratro permise ai contadini di realizzare grandi coltivazioni di miglio e orzo lungo il fiume Giallo e di riso nelle regioni più calde lungo la costa. Rispetto alle altre civiltà dei grandi fiumi l' allevamento di mucche, pecore e capre era meno diffuso, mentre era molto praticato l'allevamento dei bachi da seta, da cui i Cinesi ricavavano il prezioso filato. Questo popolo non aveva una religione ufficiale, ma molte regole e credenze; erano venerati lo spirito degli antenati e alcune divinità legate alla natura. I Cinesi erano divisi in tanti regni governati da re che appartenevano a dinastie, cioè a famiglie che si tramandavano il potere di padre in figlio. Il sovrano viveva a corte con i sacerdoti e isolato dal resto della popolazione, da cui riscuoteva le tasse attraverso i suoi funzionari, chiamati mandarini. Questi regni erano spesso in guerra fra loro, finché nel 221 a.C. Shi Huangdi, re della dinastia Qin, unificò tutto il territorio e si proclamò primo imperatore della Cina, nome che deriva proprio da quello della sua dinastia (Qin, infatti, si pronuncia "cin").  Per proteggere il confine settentrionale di quell'immenso impero dalle invasioni delle popolazioni nomadi, Shi Huangdi fece iniziare la costruzione di un'opera grandiosa che è arrivata fino ai giorni nostri: la Grande Muraglia cinese, che con i suoi seimila chilometri di lunghezza rappresenta la più possente opera mai costruita dall'uomo.   Nascita della Cina NOTIZIE DAL PASSATO L'invenzione della seta Per ottenere la seta si usa ancora oggi il procedimento inventato dai Cinesi nel 2000 a.C.: i bachi da seta, che si cibano di foglie della pianta del gelso, producono un unico filo con cui pian piano si avvolgono in un bozzolo. Il bozzolo viene quindi immerso in acqua calda e il filo srotolato. Il filato ottenuto viene poi lavorato per realizzare la stoffa di seta. La Grande Muraglia cinese. STUDIO con METODO ▼ Riordino le informazioni. Ordina questi eventi dal più antico al più recente. Nascita dei primi villaggi. Nascita della scrittura. Unificazione del paese. Costruzione della Grande Muraglia.   La Grande Muraglia OSSERVO E RISPONDO Osserva l'immagine e completa il disegno con queste parole: piantine di riso • cesti • aratro LA SCRITTURA Intorno al 1200 a.C. fu inventata in Cina un'originale forma di scrittura composta da circa 4000 segni, detti ideogrammi, che venivano realizzati in verticale su asticelle di legno o bambù. Ogni ideogramma rappresentava un oggetto o un concetto e ad ognuno era associato un suono, aspetto che ne permetteva la lettura. Questa scrittura, pur modificatasi nel corso del tempo, è ancora in uso presso i Cinesi. Evoluzione della scrittura cinese. NOTIZIE DAL PASSATO L'invenzione della carta e dei caratteri mobili I Cinesi hanno inventato la carta e i caratteri mobili per la stampa. La carta si otteneva dalla macerazione di piante e stracci immersi nell'acqua. L'impasto ottenuto era pressato in modo da ricavare dei fogli sottili, che poi venivano essiccati. I caratteri mobili erano dei timbri di creta modellati a forma di ideogramma ai quali era applicato un manico. Una volta imbevuti di inchiostro venivano premuti su un foglio di carta per creare un testo scritto. Uno dei più antichi esempi di scrittura cinese si trova inciso su questa scapola di bue del periodo Shang (XIII-XI sec. a.C.). ⇒ Quaderno delle competenze  Pagg. 22-23