Il regno di Israele

STORIA » Le civiltà dei grandi fiumi GLI EBREI - Il regno di Israele Il regno di Israele Dopo la morte in battaglia di re Saul nella guerra contro i Filistei, un popolo che viveva sulla costa del Mediterraneo, salì al trono David, che portò alla vittoria la sua gente. David stabilì la capitale a Gerusalemme e fu sotto il suo regno e sotto quello di re Salomone, suo figlio, che il Regno di Israele raggiunse il massimo splendore. Salomone si impegnò nel mantenere la pace, privilegiò l’attività commerciale rispetto a quella militare e fu lui che fece costruire a Gerusalemme un grande tempio dedicato al loro unico dio, Jahvè. Gerusalemme NOTIZIE DAL PASSATO Un solo dio Gli Ebrei furono l'unico popolo monoteista dell'antichità, credevano cioè nell’esistenza di un solo dio: Jahvè. I fondamenti della religione ebraica si trovano nella Torah, parola che significa Legge o insegnamento . La menorah è un candelabro a sette bracci, simbolo dell’unità del popolo ebraico. DAL REGNO ALLA DIASPORA Dopo la morte di Salomone il regno si divise in due parti: a nord il Regno di Israele, con capitale Samaria, a sud il Regno di Giuda, con capitale Gerusalemme. Il Regno di Israele fu sconfitto dagli Assiri guidati da re Sargon II, che deportò gran parte del popolo ebraico in Mesopotamia. Il Regno di Giuda, invece, cadde per mano del re babilonese Nabucodonosor, che distrusse Gerusalemme e deportò i suoi abitanti in Mesopotamia. Gli Ebrei rimasero in Mesopotamia per cinquanta anni. Poi Ciro, re di Persia, conquistò la Babilonia e permise loro di ritornare nella Terra di Canaan. Nei secoli seguenti il popolo ebraico perse e conquistò la propria indipendenza più volte, finché nel 63 a.C. divenne provincia romana. Nel 70 d.C. i Romani distrussero Gerusalemme e la popolazione fu costretta a emigrare: iniziò così la diaspora, cioè la dispersione del popolo ebraico in varie parti del mondo. STUDIO con METODO ▼ Organizzo le informazioni. Individua i personaggi principali citati nel testo e ripeti per ognuno di loro chi sono e che cosa hanno fatto. In un rilievo dell'arco di Tito a Roma sono raffigurati i Romani durante l'assedio di Gerusalemme del 70 d.C.: i vincitori trasportano il bottino del tempio di Gerusalemme, compreso la menorah portata in processione trionfale.
STORIA » Le civiltà dei grandi fiumi GLI EBREI - Il regno di Israele Il regno di Israele Dopo la morte in battaglia di re Saul nella guerra contro i Filistei, un popolo che viveva sulla costa del Mediterraneo, salì al trono David, che portò alla vittoria la sua gente. David stabilì la capitale a Gerusalemme e fu sotto il suo regno e sotto quello di re Salomone, suo figlio, che il Regno di Israele raggiunse il massimo splendore. Salomone si impegnò nel mantenere la pace, privilegiò l’attività commerciale rispetto a quella militare e fu lui che fece costruire a Gerusalemme un grande tempio dedicato al loro unico dio, Jahvè.   Gerusalemme NOTIZIE DAL PASSATO Un solo dio Gli Ebrei furono l'unico popolo monoteista dell'antichità, credevano cioè nell’esistenza di un solo dio: Jahvè. I fondamenti della religione ebraica si trovano nella Torah, parola che significa Legge o insegnamento . La menorah è un candelabro a sette bracci, simbolo dell’unità del popolo ebraico. DAL REGNO ALLA DIASPORA Dopo la morte di Salomone il regno si divise in due parti: a nord il Regno di Israele, con capitale Samaria, a sud il Regno di Giuda, con capitale Gerusalemme. Il Regno di Israele fu sconfitto dagli Assiri guidati da re Sargon II, che deportò gran parte del popolo ebraico in Mesopotamia. Il Regno di Giuda, invece, cadde per mano del re babilonese Nabucodonosor, che distrusse Gerusalemme e deportò i suoi abitanti in Mesopotamia. Gli Ebrei rimasero in Mesopotamia per cinquanta anni. Poi Ciro, re di Persia, conquistò la Babilonia e permise loro di ritornare nella Terra di Canaan. Nei secoli seguenti il popolo ebraico perse e conquistò la propria indipendenza più volte, finché nel 63 a.C. divenne provincia romana. Nel 70 d.C. i Romani distrussero Gerusalemme e la popolazione fu costretta a emigrare: iniziò così la diaspora, cioè la dispersione del popolo ebraico in varie parti del mondo. STUDIO con METODO ▼ Organizzo le informazioni. Individua i personaggi principali citati nel testo e ripeti per ognuno di loro chi sono e che cosa hanno fatto. In un rilievo dell'arco di Tito a Roma sono raffigurati i Romani durante l'assedio di Gerusalemme del 70 d.C.: i vincitori trasportano il bottino del tempio di Gerusalemme, compreso la menorah portata in processione trionfale.