La religione

STORIA » Le civiltà dei grandi fiumi GLI EGIZI - La religione La religione La religione aveva un ruolo molto importante nell'antico Egitto. Gli Egizi, come i popoli mesopotamici, erano politeisti, cioè adoravano molte divinità. Ognuna di queste proteggeva un aspetto particolare della natura e della vita, come il Sole, l'amore, la morte, ecc. Le divinità egizie erano rappresentate in tre modi: con sembianze umane, con sembianze di animali o con sembianze per metà umane e per metà animali. Gli animali considerati sacri e più rappresentati fra gli dèi erano: il gatto, perché cacciava i topi che mangiavano le granaglie; l’uccello ibis, che uccideva i serpenti che si nascondevano nella terra fangosa; il coccodrillo, in quanto simbolo della rinascita, perché con la sua presenza annunciava l’arrivo dell’inondazione. STUDIO con METODO ▼ Interpreto le immagini. Rileggi il testo e confronta la descrizione degli dèi con i disegni che li raffigurano. Discuti con i tuoi compagni sulla relazione tra gli dèi e l'animale con cui sono raffigurati. Ra Era il dio Sole, il dio supremo e creatore degli uomini. Rappresentato con la testa di falco sormontata dal sole, era il simbolo della fertilità e della forza. Il faraone era considerato suo figlio. Era anche il padre degli dèi. Iside Dea della fertilità, della Luna, della maternità e della magia. Era anche la moglie di Osiride e la madre di Horus. Osiride Era il dio della morte e della rinascita. Era marito di Iside e padre di Horus. Veniva considerato il primo faraone d'Egitto. Horus Il dio falco, signore del cielo e del Sole, era il protettore del faraone. Gli Egizi credevano che il faraone fosse discendente di questa divinità. Hator Dea dell'amore e della gioia, protettrice delle sorgenti del Nilo, delle arti, della musica e del canto. Seth Era il dio della guerra e della forza, nonché signore del deserto. Aveva la testa di un animale non definito. Era anche il nemico di Horus. Anubi Era il dio sciacallo, presiedeva a tutte le mummificazioni e accompagnava i defunti al tribunale dell'oltretomba.
STORIA » Le civiltà dei grandi fiumi GLI EGIZI - La religione La religione La religione aveva un ruolo molto importante nell'antico Egitto. Gli Egizi, come i popoli mesopotamici, erano politeisti, cioè adoravano molte divinità. Ognuna di queste proteggeva un aspetto particolare della natura e della vita, come il Sole, l'amore, la morte, ecc. Le divinità egizie erano rappresentate in tre modi: con sembianze umane, con sembianze di animali o con sembianze per metà umane e per metà animali. Gli animali considerati sacri e più rappresentati fra gli dèi erano: il gatto, perché cacciava i topi che mangiavano le granaglie; l’uccello ibis, che uccideva i serpenti che si nascondevano nella terra fangosa; il coccodrillo, in quanto simbolo della rinascita, perché con la sua presenza annunciava l’arrivo dell’inondazione. STUDIO con METODO ▼ Interpreto le immagini. Rileggi il testo e confronta la descrizione degli dèi con i disegni che li raffigurano. Discuti con i tuoi compagni sulla relazione tra gli dèi e l'animale con cui sono raffigurati. Ra Era il dio Sole, il dio supremo e creatore degli uomini.  Rappresentato con la testa di falco sormontata dal sole, era il simbolo della fertilità e della forza.  Il faraone era considerato suo figlio.  Era anche il padre degli dèi. Iside Dea della fertilità, della Luna, della maternità e della magia.  Era anche la moglie di Osiride e la madre di Horus. Osiride Era il dio della morte e della rinascita.  Era marito di Iside e padre di Horus.  Veniva considerato il primo faraone d'Egitto. Horus Il dio falco, signore del cielo e del Sole, era il protettore del faraone.  Gli Egizi credevano che il faraone fosse discendente di questa divinità. Hator Dea dell'amore e della gioia, protettrice delle sorgenti del Nilo, delle arti, della musica e del canto. Seth Era il dio della guerra e della forza, nonché signore del deserto.  Aveva la testa di un animale non definito.  Era anche il nemico di Horus. Anubi Era il dio sciacallo, presiedeva a tutte le mummificazioni e accompagnava i defunti al tribunale dell'oltretomba.