Unesco: Il palazzo di Assur

Patrimonio UNESCO cittadini del mondo GLI ASSIRI Il palazzo di ASSUR Il tempio dedicato ad Assur, la più importante divinità assira, era un'enorme ziqqurat che sorgeva su una collina a fianco del fiume Tigri che oggi si trova a nord di Baghdad, la capitale dell’attuale Iraq. LA CAPITALE DELL'IMPERO La città di Assur fu la capitale dell’impero assiro fino agli inizi del 1000 a.C. Era un importante centro di scambi commerciali, in particolare con la vicina Anatolia, l’attuale Turchia. Nel 612 a.C. venne conquistata e distrutta dalla popolazione dei Babilonesi. Fu poi ricostruita e conquistata più volte, finché venne abbandonata definitivamente. Rimase sepolta dalle sabbie del deserto fino nel 1903, quando venne scoperta dall'archeologo tedesco Friedrich Delitzsch. IL SITO OGGI Nel sito archeologico di Assur sono state ritrovate circa sedicimila tavolette cuneiformi e trentaquattro templi. Secondo alcune tavolette, la città aveva tredici por te, era circondata da mura lunghe quattro chilometri e aveva palazzi maestosi, trentaquattro templi e grandi piazze. BASSORILIEVO RAFFIGURANTE IL DIO ASSUR La divinità con in mano i rami con le foglie rappresenta la fertilità delle terra, mentre le due figure con i vasi da cui esce dell'acqua, il fiume Tigri. LE MURA DELLA CITTÀ Il muro esterno della città sarebbe stato costruito dal re Kikia nel 2200 a.C., e poi ricostruito in epoche successive; era circondato da un altro muro esterno ed era molto robusto. LA SCELTA La città di Assur è stata inserita nella lista dei patrimoni dell’umanità a rischio scomparsa a causa della proposta di costruire una diga sul fiume Tigri per rispondere alla continua richiesta d’acqua della popolazione di quei luoghi, fatto che avrebbe comportato l’inondazione degli scavi archeologici. LEGGO E MI INFORMO Che cosa sai della situazione in Iraq? E perché potrebbe mettere in pericolo il sito di Assur? Cerca sui giornali a casa notizie su questo Paese e su altri siti messi in pericolo dalle guerre e poi discutine in classe.
Patrimonio UNESCO cittadini del mondo GLI ASSIRI Il palazzo di ASSUR Il tempio dedicato ad Assur, la più importante divinità assira, era un'enorme ziqqurat che sorgeva su una collina a fianco del fiume Tigri che oggi si trova a nord di Baghdad, la capitale dell’attuale Iraq. LA CAPITALE DELL'IMPERO La città di Assur fu la capitale dell’impero assiro fino agli inizi del 1000 a.C. Era un importante centro di scambi commerciali, in particolare con la vicina Anatolia, l’attuale Turchia. Nel 612 a.C. venne conquistata e distrutta dalla popolazione dei Babilonesi. Fu poi ricostruita e conquistata più volte, finché venne abbandonata definitivamente. Rimase sepolta dalle sabbie del deserto fino nel 1903, quando venne scoperta dall'archeologo tedesco Friedrich Delitzsch. IL SITO OGGI Nel sito archeologico di Assur sono state ritrovate circa sedicimila tavolette cuneiformi e trentaquattro templi. Secondo alcune tavolette, la città aveva tredici por te, era circondata da mura lunghe quattro chilometri e aveva palazzi maestosi, trentaquattro templi e grandi piazze. BASSORILIEVO RAFFIGURANTE IL DIO ASSUR La divinità con in mano i rami con le foglie rappresenta la fertilità delle terra, mentre le due figure con i vasi da cui esce dell'acqua, il fiume Tigri. LE MURA DELLA CITTÀ Il muro esterno della città sarebbe stato costruito dal re Kikia nel 2200 a.C., e poi ricostruito in epoche successive; era circondato da un altro muro esterno ed era molto robusto. LA SCELTA La città di Assur è stata inserita nella lista dei patrimoni dell’umanità a rischio scomparsa a causa della proposta di costruire una diga sul fiume Tigri per rispondere alla continua richiesta d’acqua della popolazione di quei luoghi, fatto che avrebbe comportato l’inondazione degli scavi archeologici. LEGGO E MI INFORMO Che cosa sai della situazione in Iraq? E perché potrebbe mettere in pericolo il sito di Assur? Cerca sui giornali a casa notizie su questo Paese e su altri siti messi in pericolo dalle guerre e poi discutine in classe.